Lavatrice carica frontale e dall’alto: differenze e quale scegliere

La lavatrice è sicuramente uno degli elettrodomestici attorno a cui ruota la vita domestica di una famiglia, tra gli indispensabili di cui non possiamo assolutamente privarci. Per questo motivo la scelta non può essere fatta su due piedi e in maniera frettolosa, lasciandosi magari affascinare da una pubblicità azzeccata, ma piuttosto con un’attenta riflessione su quali sono i reali bisogni del nucleo familiare. Ci sono tante domande alle quali rispondere, per scegliere il modello perfetto, ma sicuramente una delle prime riguarda la tipologia di base: a carica frontale o a carica dall’alto? Ma prima di sciogliere questo dilemma, guardiamo quali sono le caratteristiche comuni a entrambi i tipi.

Come funzionano la lavatrice carica frontale e dall’alto?

La lavatrice rientra all’interno degli elettrodomestici casalinghi indispensabili dei quali non si può fare a meno per nessun motivo al giorno soprattutto nell’epoca odierna segnata dall’esigenza di ridurre i tempi dediti al lavaggio degli indumenti. Il mercato mette a disposizione un’ampia scelta di modelli con caratteristiche dalle più standard alle più innovative in campo smart home e domotica, del tutto controllabili e programmabili grazie al proprio dispositivo mobile.

Lavatrici: caratteristiche di base

  • Capacità: nel corso del tempo, le lavatrici hanno sempre più ridotto i consumi, quindi, anche se si è single o si vive in una famiglia poco numerosa, non è necessario acquistare una lavatrice dalla capienza minima, che poi si rivelerebbe insufficiente in caso di lavaggio di coperte o piumini.
  • Consumo: ormai, come si diceva, non esistono più in commercio< strong>lavatrici che non appartengono almeno alla classe A e tutte comunque fanno risparmiare: ma ad ogni + che si trova accanto alla A c’è da tenere sotto controllo anche il prezzo, che aumenterà di conseguenza e non sempre il gioco vale la candela…
  • Potenza della Centrifuga: la perfezione si ferma a 1000 giri e non è il caso di esagerare, per due motivi. Il primo che la centrifuga sottopone la lavatrice ad uno stress e se la potenza è troppa si rischia, a lungo andare, di incorrere in qualche problema. Il secondo è che una centrifuga troppo potente rende più difficile la stiratura dei panni.

Lavatrice a carica dall’alto o frontale?

La lavatrice a carica dall’alto viene in genere scelta per questioni di spazio. Essendo un elettrodomestico che non una sede esatta di collocazione, ma che tendiamo a mettere dove c’è posto, quella a carico dall’alto può essere posizionata anche dove c’è poca distanza ad esempio tra un muro e l’altro, visto che non necessità di spazio di manovra per aprire l’oblò. Alcune di queste lavatrici hanno caratteristiche specifiche differenti da quelle a carica dall’alto, come cicli di lavaggio più brevi e la possibilità di continuare a inserire i panni da lavare mentre il programma di lavaggio è in corso. Per quanto riguarda la capacità di carico le lavatrici a carica dall’alto sono tra i 5 e gli 8 chili. Caricarle non richiede nessun genere di piegamento e potrebbero essere valide per chi ad esempio soffre di mal di schiena o comunque non può piegarsi.

La lavatrice a carica frontale è più diffusa della collega a carica dall’alto, e di solito usata in situazioni dove si dispone di maggiore spazio. L’oblò di apertura si trova davanti la lavatrice ma l’altezza varia in base al modello. In genere le misure standard si aggirano tra i 60 e gli 85 centimetri di larghezza e 56/60 di profondità e la capacità di carico è tra i 5 e i 12 chili. Il piano superiore, che non ha sportelletto, può essere un comodo piano di appoggio temporaneo, o se anche si decidesse di realizzare poco al di sopra di esso una mensola per tenere in ordine i detersivi, non si andrebbe a complicare la manovra di apertura.

Le migliori lavatrici a carica frontale e dall’alto in vendita al miglior prezzo

All’interno del mercato odierno, riferito sia ai negozi commerciali fisici che agli store online, si trova un’ampia gamma di lavatrici a carica frontale o dall’alto tra cui scegliere. La decisione finale dovrà rendersi influenzata da diversi fattori e caratteristiche tecniche essenziali, motivo per il quale abbiamo pensato di raggruppare i migliori modelli di entrambe le versioni all’interno della seguente classifica.

Lavatrici a carica frontale

Indesit – Lavatrice a Carica Frontale IWC71253ECOEUM

Il modello Indesit – Lavatrice a Carica Frontale IWC71253ECOEUM si trova in vendita al prezzo di 262,99 euro, sotto una colorazione bianca adatta a qualsiasi tipologia di arredamento casalingo, una capienza massima pari a 7 kg di carico, una Classe EnergeticaA+++, una velocità di centrifugazione a 1200 Giri/min. In modalità spenta la lavatrice presenta un consumo energetico pari a 0,5 W, durante il lavaggio un consumo energetico di 1,005 kWh, un consumo energetico annuale di 174 kWh. Il prodotto presenta dimensioni pari a una larghezza 59,5 cm, una profondità di 51,7 cm, un’altezza di 85 cm, disponendo di tutti i programmi per il lavaggio necessari senza evidenziare difetti o svantaggi rilevanti.

Indesit IWC 60851 C ECO IT Libera installazione Carica frontale

Il modello Indesit IWC 60851 C ECO IT Libera installazione Carica frontale si trova in vendita al prezzo di 244,99 euro, mettendo d’accordo qualsiasi tipologia di acquirenti soddisfatti delle funzionalità garantite da questa linea. La lavatrice supporta un carico massimo pari a 6 kg, esteticamente realizzata in colore bianco adattabile a qualsiasi tipologia di arredo casalingo, un livello di rumore durante la messa in funzione a 62dB, una Classe di efficienza energetica A+, una velocità di centrifuga massima pari a 800 RPM, un consumo di energia per lavaggio a 1,014 kWh, una larghezza di 59,5 cm, una profondità di 51,7 cm, un’altezza pari a 85 cm. Il prodotto non evidenzia alcun difetto o svantaggio evidente.

Lavatrici a carico dall’alto

Candy CST 360L-01 Libera installazione Caricamento dall’alto

Il modello Candy CST 360L-01 Libera installazione Caricamento dall’alto si trova in vendita al prezzo promozionale di 305,69 euro, sotto una colorazione bianca adattabile a tutte le diverse tipologie di arredamento casalingo, integrando una capienza massima pari a 6 kg, una rumorosità durante la messa in funzione pari a 75dB, assicurata dalla Certificazione CE, una Classe di efficienza energetica A+++. La lavatrice comporta un consumo in modalità spenta a 0,2 W, un consumi in modalità stand-by di 1 W, un consumo annuale di acqua pari a 8900 L, un consumo di energia per lavaggio a 0,765 kWh, un consumo energetico annuale di 153 kWh.

Questo modello presenta inoltre un indicatore programma LED, un materiale di realizzazione del cestello in acciaio inossidabile, un peso complessivo di 56,5 kg, 15 programmi differenziati di lavaggio, pulsante on/off, una velocità di centrifuga massima di 1000 Giri/min, una velocità di centrifuga regolabile, un volume cestello di 50 L, senza evidenziare difetti o svantaggi rilevanti.

AEG L6TBG721 Lavatrice

Il modello AEG L6TBG721 Lavatrice carica dall’alto si trova in vendita al prezzo di 500,58 euro oltre 4,49 euro di spese di spedizione, presentandosi sotto una colorazione bianca adatta a qualsiasi tipologia di arredamento interno casalingo, una Classe Energetica A+++, giri di centrifuga pari a 1200 giri/min, una capacità di carico massimo di 7 kg, un livello di rumorosità durante la messa in funzione di 77dB, in grado di soddisfare le esigenze degli acquirenti senza evidenziare alcun difetto o svantaggio tecnico del prodotto. Per i lavaggi fino ai 3 kg il dispositivo impiegherà circa una fascia temporale compresa tra i 20/30 minuti, comprendendo tutte le programmazioni necessarie a seconda dei vari tessuti e indumenti.

Come si utilizzano le lavatrici a carica frontale e dall’alto e consigli utili

Al momento della scelta d’acquisto di una nuova lavatrice si dovrà distinguere in due differenti strutture a carica frontale o dall’alto, tenendo presente le caratteristiche di funzionalità tecnica, la fascia di costo più accessibile per le proprie finanze e la rumorosità della messa in funzione, compresi vantaggi ed eventuali svantaggi del prodotto.

Ad un confronto diretto entrambe hanno pro e contro: se ad esempio si parla di comodità, discorso che all’apparenza sembra premiare la lavatrice a carica dall’alto, ricordate che sollevare i vestiti bagnati può essere altrettanto faticoso che chinarsi a inserirli o tirarli fuori, ma che soprattutto nelle lavatrici a carica dall’alto è necessario fare attenzione alle guarnizioni, che possono sporcarsi di muffa: ma a differenza della collega a carica frontale, dove è possibile pulirle, qui vanno cambiate.

In giro per il web, o parlando con le persone, c’è da dire comunque che non esiste una tipologia nettamente in vantaggio sull’altra. Valutate le vostre esigenze e scegliete la migliore lavatrice possibile per la vostra casa, a carica dall’alto o frontale che sia. Riflettette sull’esigenza di carico e sui programmi che deve svolgere in base alla tipologia di capi che generalmente lavate. Per utilizzare entrambe le versioni risulterà sufficiente selezionare il programma di lavaggio desiderato all’interno delle opzioni presenti e avviare il testo On di accensione promuovendo un proseguimento del tutto automatico, avvalendosi del tasto pausa, oppure Off.

Se volete risparmiare sull’acquisto della lavatrice, conviene in genere acquistarla online, potrete conoscere le offerte e i prezzi delle lavatrici nei negozi online e scegliere quella che risulta come la migliore come rapporto qualità prezzo. D’altra parte, optando per un acquisto della lavatrice tramite negozio fisico specializzato, si potrà vantare una maggiore assistenza e possibilità di cambio immediato del prodotto in presenza di difetti di fabbrica o rotture dovute al trasporto spesso frequenti nel caso di elettrodomestici delicati di grandi dimensioni.

Sending
User Review
0 (0 votes)

Lascia un commento